Carrello  

Nessun prodotto

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Pagamento

 

 

 

Spedizione Gratis per ordini superiori a 49€!

Newsletter

Nuovi prodotti

Tutti i nuovi prodotti



Papavero semi

Come tutti i semi oleosi, sono una fonte di grassi e proteine ma sono anche una riserva di manganese, calcio, Omega 6 e vitamina E. Inoltre sono utilizzati come rimedio naturale contro ansia e come cibo antistress, una caratteristica che li rende un alleato naturale nelle medicine alternative. Infine i semi di papavero aiutano ad abbassare il colesterolo nel sangue.

INGREDIENTI

Papavero semi

Più dettagli...

In vendita

1,70 €

Disponibile: Disponibile

Questo prodotto può essere acquistato con contrassegno
Prodotto Peso Prezzo Unitario IVA Inclusa Disponibile Q.ta
Papavero semi 75gr
1,70 €
Papavero semi 150gr
2,85 €
Papavero semi 250gr
4,25 €
Papavero semi 500gr
7,50 €
Papavero semi 1 Kg
13,10 €
Compra tutti i Prodotti Selezionati nella Tabella

Papavero semi: proprietà, benefici ed usi

Proprietà e benefici

I semi di papavero, sono conosciuti in campo erboristico e medicina naturale per le loro proprietà calmanti e sedative, grazie al contenuto di papaverina e altri blandi oppiacei, per cui vengono utilizzati come rimedio contro ansia e stress, ma anche per combattere l’insonnia. Sono usati spesso in cucina, per arricchire prodotti da forno tipo il pane. Una tisana rilassante può aiutare a conciliare il sonno. Il consumo di semi di papavero è utile anche, per la prevenzione di malattie cardio-vascolari. Le vitamine (C ed E soprattutto) contenute nei semi di papavero, insieme al manganese, svolgono un’azione antiossidante contro i radicali liberi, rallentando l’invecchiamento cellulare. Tutti gli altri minerali, poi, contribuiscono alla funzione cognitiva, migliorando la funzionalità dei neurotrasmettitori per il buon funzionamento del cervello. Il calcio contenuto nei semi di papavero, poi, contribuisce alla buona salute delle ossa, per cui se ne consiglia l’assunzione soprattutto agli sportivi e agli anziani, in particolar modo alle donne di una certa età che soffrono di osteoporosi. Inoltre, grazie al loro contenuto in fibre presenti nella cuticola, i semi di papavero sono anche utili per mantenere l’intestino sano.

 

Origini e cenni di storia

Del centinaio di specie comprese nel genere Papaver una decina si trovano nel nostro paese. Il termine sembra che derivi dal celtico, in quanto i semi venivano messi nella pappa dei bambini per farli dormire. Si pensa che il papavero sia originario di una zona dell’altipiano asiatico che sta tra il Pamir e l’Iran, dove in epoche antichissime il frumento si differenziò, prima spontaneamente poi con l’aiuto dell’uomo.     
Proprio la diffusione del frumento portò con se il papavero, definito pianta ‘sinantropica’, cioè che segue l’uomo nei suoi spostamenti, perchè non si diffonderebbe senza i lavori agricoli che riportano alla luce i semi sprofondati nel terreno. Presso i Romani il papavero era talmente legato alle pratiche di Cerere, divinità delle messi e dell’agricoltura, che la dea era raffigurata con spighe e papaveri tra i capelli e le braccia.
Il papavero fiorisce da marzo a luglio, e vive sino a duemila metri di altezza. Cresce rigoglioso nelle regioni più fredde, soprattutto nelle zone montane, in cui si ottengono piante con un maggiore contenuto di olio rispetto a quelle coltivate in luoghi più temperati. Nell’alimentazione vengono usati i semi, non solo per l’olio che offrono, ma anche come condimento su pani e dolci. Le proprietà della pianta sono concentrate sia nelle foglie che nei petali, hanno effetto emolliente, sudorifero, sedativo e leggermente ipnotico. Le rosette basali entrano in alcune ricette della cucina dell’oltre Pò pavese, dove vengono usate in frittate, minestre, torte salate e frittelle. I semi sono utilizzati su dolci e pasticceria varia. Nella medicina popolare si utilizzano i fiori per tisane sedative o per infusi contro le irritazioni.

Uso in cucina

TAGLIATA DI POLLO AL SESAMO

INGREDIENTI 

  • 1 trancio da 400 gr circa di tonno
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo
  • 1 cucchiaio di semi di papavero
  • 1 spicchio aglio
  • olio
  • sale
  • pepe
  • erba cipollina

PREPARAZIONE

Preparate una marinata con l'aglio, il prezzemolo, il sale ed il pepe
Cospargete il trancio di tonno con la marinata ottenuta e fate riposare in frigo per mezz'ora
Passate ora il tonno in un piatto con i semi di sesamo ed i semi di papavero, facendoli aderire bene a tutta la superficie
In una padella versate la marinata avanzata quindi fate rosolare il tonno per 3 minuti da ogni lato.
Mettete su un tagliere, poi tagliate a fette
Servite la tagliata di tonno al sesamo con un contorno di pomodori o insalata


 
 

Valori nutrizionali quantità per 100 grammi

Calorie 0 Kcal
Grassi 0 g
Acidi grassi saturi 0 g
Acidi grassi polinsaturi 0 g
Acidi grassi monoinsaturi 0 g
Sodio 0 mg
Potassio 0 mg
Carboidrati 0  g
Fibra alimentare 0  g
Carboidrati di cui zuccheri 0 g
Proteine 0 g
Vitamina A 0 IU
Calcio 0 mg
Ferro 0 mg
Vitamina D 0 mg
Vitamina B6 0 mg
Vitamina B12 0 mg
Sale 0 mg
Le informazioni pubblicate su Naturadoriente.com hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

30 altri prodotti nella stessa categoria: