Curry etiope

Il curry etiope è la miscela di spezie e aromatiche più tradizionale ed emblematica della cucina etiope e eritrea. Si tratta di un mix speziato abbastanza piccante dalle note affumicate e muschiate.

INGREDIENTI

Peperoncino, sale, cardamomo, aglio, curcuma, paprika, zenzero, ajowan, basilico, lippia abyssinica, thymus, fieno greco, cannella, chiodi di garofano, coriandolo

Più dettagli...

In vendita

2,80 €

Disponibile: Disponibile

Questo prodotto può essere acquistato con contrassegno
Prodotto Peso Prezzo Unitario IVA Inclusa Disponibile Q.ta
Curry etiope 40gr
2,80 €
Curry etiope 75gr
4,00 €
Curry etiope 100gr
4,60 €
Curry etiope 150gr
6,00 €
Curry etiope 250gr
8,75 €
Curry etiope 500gr
14,95 €
Curry etiope 1 Kg
25,80 €
Compra tutti i Prodotti Selezionati nella Tabella

Curry etiope: proprietà, benefici ed usi

Proprietà e benefici

Ritroviamo il curry etiope in tutti i piatti famosi e tradizionali del paese, tra cui il Ye Mesir azifa, i wots (stufati etiopi), le gallette di teff, il Ye assa Wath, il Khibé, la Selatha, Azifa be Khariya, Tibs e Doulet. E' così eccezionale da espandersi rapidamente nel resto del mondo, molto più dei mix di spezie Masala e Tandoori, per loro natura molto più dolci.
Il curry etiope si rivela utile per il miglioramento della fase digestiva e nella regolazione del metabolismo. Ha ottime qualità antinfiammatorie e antiossidanti.
Le proprietà curative del curry si rivelano utili anche contro le malattie cardiovascolari grazie alla sua azione di regolarizzazione dei ritmi cardiaci e della circolazione sanguigna. Influente anche nel contrastare patologie neurodegenerative come l’Alzheimer. L’azione delle sostanze contenute nel curry fornisce un valido aiuto anche contro il diabete. Nella miscela del curry madras si evidenziano quelle proprietà antitumorali e quelle di rallentamento del tumore alla prostata.

Esistono diversi tipi di curry, intesi come mistura di spezie e diffusi soprattutto nel Sud Est asiatico. Tra questi anche il curry Inglese, e il curry Madras, A Singapore ad esempio è diffuso soprattutto il curry giallo, mentre il prik khing curry è diffuso soprattutto in Thailandia. In India in particolare il curry viene indicato con il termine masala e anche se la preparazione di base prevede più o meno la stessa tipologia di spezie, è anche vero che possono esserci moltissime diverse varianti. Si sposa bene con tutte le carni: rossa, bianca, pollame, selvaggina, agnello, maiale. Stessa cosa per il pesce, i crostacei e i frutti di mare.  Insomma: davvero tutto! A seconda del luogo poi agli ingredienti classici possono anche essere aggiunti altri elementi, come olio, burro chiarificato o latte di cocco e yogurt.

Origini e cenni di storia

La storia del curry vide i suoi inizi quando i primi mercanti e agenti della Compagnia delle Indie, che nel ‘700 si ritirarono in Inghilterra di solito con cospicue fortune portando con loro anche la servitù indigena. Universalmente nota in Occidente come polvere di curry, questa profumatissima miscela indiana di spezie può contare nelle sue differenti formule decine d’ingredienti, solitamente non mancano mai cumino, senape nera, peperoncino, pepe nero, coriandolo, radice essiccata di curcuma. A fine ‘700, alcune ditte inglesi, anglo-indiane e olandesi cominciarono ad offrire delle miscele identificandole con il termine di “curry”. Di colore dorato dovuto alla curcuma queste miscele, hanno l’aroma con tre intensità differenti di peperoncino piccante: mild (blando), hot (piccante), very hot (piccantissimo).
Nella tradizione indiana queste miscele di spezie, conosciute con il termine masala, sono oggi come ieri preparate al momento, secondo le usanze religiose o il tipo di piatto che devono accompagnare.
In commercio si trovano versioni di curry molto diverse tra di loro, la più pregiata rimane il Garam masala (per carni e verdure), la miscela rossa Tandoori (per marinare le carni con yogurt cucinate nell’omonimo forno), le miscele più marcatamente piccanti i Madras curry (dal nome dell’area di provenienza), e Vindaloo curry di Goa, adatta per le specialità agrodolci di questa regione, dai sentori di zenzero e cannella, ideale per la carne di maiale ed il pesce.

Uso in cucina

PETTO DI POLLO AL CURRY ETIOPE

INGREDIENTI 

  • 450 g petto di pollo tagliato a cubetti di 4 cm
  • 2 cucchiai curry in polvere varietà etiope
  • 1 cucchiaino peperoncino in polvere
  • 2 cucchiai yogurt intero
  • 150 g cipolla bianca tritata
  • 80 g olio di oliva
  • 50 g pomodori tagliati a cubetti
  • 1 cucchiaino aglio e zenzero in pasta sostituibile con aglio e zenzero freschi tritati
  • 350 g acqua
  • 80 g latte di cocco denso
  • 1 cucchiaio coriandolo fresco tritato

PREPARAZIONE

Taglia a cubetti il pollo e mettilo in una ciotola. Condiscilo con lo yogurt, il curry e il peperoncino in polvere (dosandolo in base all’intensità, perché non tutte le polveri sono piccanti allo stesso modo!). Lascia marinare per 15 minuti.
Trita le cipolle e mettile in una pentola con l’olio. Falle appassire e poi colorire leggermente, senza bruciarle.
Aggiungi il pomodoro (è facoltativo), la pasta di aglio e zenzero, il pollo con tutta la marinata e copri con l’acqua. Lascia sobbollire fino a quando il pollo è cotto, circa 10 minuti.
Aggiungi il latte di cocco, aggiusta di sale e lascia cuocere fino ad addensare leggermente il sugo di cottura. A fine cottura, cospargi di coriandolo fresco tritato.
Il curry è ancora migliore se lo lasci riposare e lo servi tiepido.

Valori nutrizionali quantità per 100 grammi

Calorie 0 Kcal
Grassi 0 g
Acidi grassi saturi 0 g
Acidi grassi polinsaturi 0 g
Acidi grassi monoinsaturi 0 g
Sodio 0 mg
Potassio 0 mg
Carboidrati 0  g
Fibra alimentare 0  g
Carboidrati di cui zuccheri 0 g
Proteine 0 g
Vitamina A 0 IU
Calcio 0 mg
Ferro 0 mg
Vitamina D 0 mg
Vitamina B6 0 mg
Vitamina B12 0 mg
Sale 0 mg
Le informazioni pubblicate su Naturadoriente.com hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.
valutazioni prodotto
  • Numero di recensioni : 1
  • Voto Medio : 5 /5
Mostra il certificato di Fiducia

- Per ulteriori informazioni sulla natura della verifica delle recensioni e sulla possibilità di contattare l'autore dell'opinione, consulta le nostre CGU.

- Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni

- Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni

- Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modificare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne una nuova

- I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

  • Patrizia B.
  • pubblicato il 17/08/2018
  • 5/5
  • in seguito ad un ordine del 20/07/2018
la punta di un cucchiaino nei piatti e sei in estasi
Recensioni ordinate cronologicamente​

Blog

30 altri prodotti nella stessa categoria: