Zafferano pistilli

Riferimento: 0045

17,27 €

Lo zafferano è molto utilizzato nella cucina orientale per preparare piatti di carne,  pesce, a base di riso, dolci, bevande. Il profumo intenso e persistente e l'aroma amarognolo che lo caratterizza ne fa una delle spezie più preziose e costose al mondo. In Italia è noto l'uso sul risotto alla milanese.
(La confezione è composta da 2 grammi)

Ingredienti: zafferano pistilli qualità ISO 1
Origine: Spagna

Peso
Quantità
In Stock

Ordina ora e ricevilo il...

Tra lun 26 e mar 27 con Corriere Espresso

Zafferano pistilli: proprietà, benefici:


Lo zafferano in pistilli, di colore rosso, gusto deciso, intenso aroma , è utile non solo in cucina, ma nella cura e nella prevenzione di diverse patologie, fungendo da antidepressivo, in particolare nelle forme lievi di depressione, oltre ad aiutare a controllare gli sbalzi d’umore nel periodo premestruale.

Inoltre, abbassa i livelli di stress per via del suo influsso sulle capacità cerebrali, è un coadiuvante della memoria; è digestivo, per via dei suoi pigmenti che entrano velocemente in circolo e aumentano la secrezione della bile e dei succhi gastrici ( per questo è consigliato per chi soffre di gastrite); accelera il metabolismo, grazie alle vitamine del gruppo B che favoriscono l’assorbimento dei grassi; diminuisce la pressione sanguigna, riducendo ipertensione e ipercolesterolemia in quanto contiene poche calorie e fluidifica il sangue.
Ma le sue proprietà sono davvero infinite: è consigliato nei casi di gengive irritate, per rallentare la perdita della vista in vecchiaia, agendo sui geni che regolano le cellule foto recettrici; agisce sulle fibre capillari, fortificando i capelli, rendendoli voluminosi e proteggendoli dall’aggressione di sole e vento. Inoltre, ha proprietà disintossicanti e antinfiammatorie, placando le infiammazioni soprattutto reumatoidi; ha proprietà afrodisiache, aumentando la produzione di serotonina e quindi il desiderio.

Origini e cenni di storia:

Lo zafferano è conosciuto e utilizzato fin dai tempi antichi. Ne troviamo traccia nella Bibbia, dove il nostro crocus sativus è una delle piante aromatiche più pregiate che si trova nel giardino del Cantico dei Cantici. E’ raffigurato nel palazzo di Cnosso e menzionato dagli egizi nel Papiro di Ebers. Fino al Medioevo le pianta aveva il nome di croco, poi gli arabi lo cambiarono in za'faran (termine derivato dal persiano Sahafran) in riferimento al colore giallo assunto dagli stimmi dopo la cottura. L’etimologia della parola Zafferano viene dall’arabo Za’feràn o “sahafaran” in persiano, passando per il latino “safranum“.
La radice è il termine persiano “asfar” che significa “giallo”. Si tratta di un crocus, pianta della famiglia delle iridacee, Il Crocus sativus ovvero lo zafferano deriva da una intensiva selezione sul Crocus cartwrightianus, pianta originaria di Creta. Secondo la medicina naturale gli stimmi della pianta erano prescritti contro reumatismi, gotta, mal di denti e come abortivo, applicandolo sia direttamente sull’utero che assumendolo per via orale.

Nella cucina medioevale e rinascimentale lo zafferano veniva impiegato oltre che per l’aroma anche per la colorazione simile all’oro, quale antidoto contro tutti i mali. Durante la storia lo zafferano ha avuto gli usi più disparati: per profumare, tingere tessuti, dipingere, curare alcune malattie, colorare alimenti e insaporire vivande. Il ritorno dello zafferano in Italia sembra sia nel medioevo, portato dai monaci, in particolare dall’inquisitore Domenico Santucci, frate abbruzzese di Navelli. Da qui ha iniziato a diffondersi, in particolare in Sicilia, Sardegna, Umbria, Toscana e Abruzzo, zone in cui ancora oggi è diffusa la coltivazione dello zafferano. Oggi lo zafferano viene riscoperto anche in Lombardia, grazie ai nostri zafferaneti brianzoli finalmente il risotto alla milanese può esser realizzato con ingredienti a kilometro zero.

Uso in cucina: risotto alla milanese ingredienti: 1 L brodo di carne 320 g riso Carnaroli 2 bustine di zafferano in polvere pistilli di zafferano formaggio grattugiato burro cipolla vino bianco secco.

PREPARAZIONE Tritare 30 g di cipolla e appassitela in una casseruola con una noce di burro, senza farla colorire. Aggiungete il riso e tostatelo per 2 minuti. Sfumatelo con mezzo bicchiere di vino bianco. Bagnate il riso con 2 mestoli di brodo bollente e portatelo a cottura in circa 15-17 minuti, aggiungendo il resto del brodo a mano a mano che si asciuga. A metà cottura, sciogliete lo zafferano in polvere in un mestolo di brodo e aggiungetelo al riso. Mantecate con 50 g di formaggio e 80 g di burro. Lasciate riposare per 2 minuti. Completate con pistilli di zafferano prima di servire.

0045/02
9 Articoli

Riferimenti Specifici

Nuovo prodotto

16 altri prodotti della stessa categoria: