Carrello  

Nessun prodotto

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Pagamento

 

 

 

Spedizione Gratis per ordini superiori a 49€!

Newsletter

Nuovi prodotti

Tutti i nuovi prodotti



Santoreggia

La santoreggia come molte altre erbe aromatiche è attribuito un utilizzo erboristico, in particolare legato all’apparato digerente. Questa pianta officinale si dice abbia proprietà antispasmodiche e stomachiche. Molto diffusa in Italia, in cucina è ottima per aromatizzare i cibi ma è anche ricca di proprietà benefiche, è antibatterica, antinfiammatoria, antiossidante

Ingredienti: santoreggia

Più dettagli...

In vendita

1,80 €

Disponibile: Disponibile

Questo prodotto può essere acquistato con contrassegno
Prodotto Peso Prezzo Unitario IVA Inclusa Disponibile Q.ta
Santoreggia 25gr
1,80 €
Santoreggia 50gr
3,35 €
Santoreggia 75gr
4,65 €
Santoreggia 100gr
5,70 €
Santoreggia 150gr
7,80 €
Santoreggia 250gr
11,75 €
Santoreggia 500gr
21,00 €
Santoreggia 1 Kg
36,90 €
Compra tutti i Prodotti Selezionati nella Tabella

Santoreggia: proprietà, benefici ed usi

Proprietà e benefici

La santoreggia è un’erba aromatica molto usata un cucina per le sue proprietà digestive e antitossiche. Un’infusione delle sommità fiorite, prima o dopo i pasti, facilita la digestione, favorendo la produzione della bile e previene le fermentazioni intestinali. Sempre come infuso è anche indicata in caso di dolori gastrici nervosi, diarrea, crampi addominali, parassiti intestinali, tosse. L’essenza ha capacità antimicrobiche anche superiori a quelle delle altre Labiate (timo, rosmarino, lavanda). Essa può agire come una sorta di tirso a livello eterico, stimolando il polo biliare dell’individuo. Il fegato è collegato con la forza, il coraggio, l’irruenza, la rabbia, con la capacità di produrre e di accumulare energia.

Origini e cenni di storia

Già nell’antica Roma la santoreggia era spesso scelta come ingrediente per insaporire le vivande: i romani amavano a tal punto il sapore speziato di questa pianta, simile a quello del timo ma più intenso e amarognolo, che la usavano in ogni piatto e in particolar modo con la carne e i legumi.   
Fin dall'antichità, venivano attribuite alla santoreggia proprietà afrodisiache: i Greci la dedicavano a Dioniso, capace di far perdere a uomini e donne le inibizioni perché potessero lanciarsi in danze sfrenate e liberatorie. Questi precedenti fecero si che ai monaci medievali fossero vietati la coltivazione e il consumo della pianta.                
Nel Rinascimento venne definita 'salsa dei poveri', ed era consigliata dal medico Pietro d'Argellata, sotto forma di decotto nel vino, per curare le ulcere della bocca.
Oggi la santoreggia è diffusa anche nell'Europa centro-settentrionale e nell'Asia occidentale, e fa parte di molte miscele di erbe: entra per esempio nella composizione delle erbe provenzali e in quella del mazzetta aromatico tedesco, che la mescola a sedano, prezzemolo e aneto.
Eccola poi nello khmeli-smeli georgiano - comprendente inoltre maggiorana, aneto, basilico, eventualmente prezzemolo, menta e foglie di coriandolo - e in un misto bulgaro, dove fa degna compagnia a paprica, santoreggia, basilico, levistico e aglio.      
Molte cucine preferiscono utilizzare l'erba acciuga (come viene anche chiamata la santoreggia) per condire verdure e soprattutto legumi. Il gusto intenso e aromatico della santoreggia, lievemente pungente, si sposa a meraviglia anche con cavoli, zucchine, patate, funghi, pomodori e molti altri ortaggi. Non è consigliabile farla cuocere a lungo, meglio aggiungerla a fine cottura.
La fitoterapia moderna ha confermato molti usi attribuiti alla santoreggia dalla medicina popolare, che ne esaltava le proprietà antisettiche e stimolanti per l'intelletto. La tisana può servire per gargarismi contro il mal di gola, strofinarne una foglia sulle punture d’insetti è utile ad alleviare il fastidio e il gonfiore.

Uso in cucina

PREPARAZIOE KHMELI-SUNELI

INGREDIENTI 

  • 2 cucchiaini di maggiorana secca tritata
  • 2 cucchiaini di aneto secco tritato
  • 2 cucchiaini di santoreggia secca tritata
  • 2 cucchiaini di menta secca tritata
  • 2 cucchiaini di prezzemolo secco tritato
  • 2 cucchiaini di foglie di coriandolo secco tritato
  • 1 cucchiaino di foglie di fieno greco secche tritate
  • 2 cucchiaini di petali di calendula secchi tritati
  • mezzo cucchiaino di pepe nero macinato

PREPARAZIONE

Mescola con cura tutti gli ingredienti e trasferisci questa miscela in un barattolo di vetro, chiudilo ermeticamente e conservalo preferibilmente al buio. In questo modo si manterrà bene per circa 6 mesi.

Utilizzo
Con questa miscela potrai panare la carne, le cotolette di agnello o filetti di pesce prima di cuocerli. Usala anche per aromatizzare le zucchine in padella o una zuppa di fagioli. Risulta molto buona anche per stufati e zuppe di manzo e di pollo.
 

Valori nutrizionali quantità per 100 grammi

Calorie 0 Kcal
Grassi 0 g
Acidi grassi saturi 0 g
Acidi grassi polinsaturi 0 g
Acidi grassi monoinsaturi 0 g
Sodio 0 mg
Potassio 0 mg
Carboidrati 0  g
Fibra alimentare 0  g
Carboidrati di cui zuccheri 0 g
Proteine 0 g
Vitamina A 0 IU
Calcio 0 mg
Ferro 0 mg
Vitamina D 0 mg
Vitamina B6 0 mg
Vitamina B12 0 mg
Sale 0 mg
Le informazioni pubblicate su Naturadoriente.com hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

21 altri prodotti nella stessa categoria: